- Guida Forex

Come scoprire se un broker è autorizzato?

Nelle ultime settimane ci siamo occupati in diverse occasioni di quanto sia importante fare trading solo con broker autorizzati e regolamentati. Ovvero, operatori che siano regolarmente riconosciuti dalla Consob, la Commissione Nazionale per le Società e la Borsa, l’autorità italiana per la vigilanza dei mercati finanziari, al cui interno è presente un albo che contiene l’elenco di tutti gli operatori che hanno la legittimità di proporre i propri servizi agli utenti italiani.

Pertanto, se hai in mente di verificare se il broker presso cui stai aprendo un conto di trading sia o meno regolamentato, è proprio qui che devi rivolgere lo sguardo. Ma in che modo?

Scopriamolo, passo dopo passo!

Il sito internet Consob

La prima cosa che ti consigliamo di fare è quella di prendere la giusta confidenza con il sito internet Consob (consob.it), perché al suo interno puoi trovare tantissimi spunti validi per la tua educazione finanziaria.

I contenuti del portale della Commissione sono divisi in tre gruppi:

  • Consob e le sue attività, dove sono racchiuse tutte le informazioni sulle iniziative della Commissione;
  • servizi per gli operatori, dove invece puoi trovare tutti i servizi utili a banche, finanziarie, ecc.;
  • educazione finanziaria, dove trovi tantissime risorse utili per poterne sapere un po’ di più su quel che ti aspetta sui mercati finanziari.

Come scoprire se un broker è regolamentato

Chiarito quanto sopra, entriamo nel vivo del nostro approfondimento, e cerchiamo di capire in che modo puoi scoprire se un broker sia o meno regolamentato.

Tutto quello che devi fare è accedere alla pagina degli Imprese di Investimento sul sito Consob, dove troverai gli elenchi delle imprese di investimento autorizzate in altri Stati UE, con succursale in Italia e senza succursale in Italia.

Cliccando sulle imprese senza succursale in Italia potrai scaricare un file pdf con tutte le imprese che hanno sede all’estero, hanno ottenuto l’autorizzazione all’effettuazione dei propri servizi di investimento in altri Stati UE, e hanno poi conseguito il riconoscimento da parte della Consob.

L’elenco è in ordine alfabetico.

Nel nostro caso, abbiamo voluto vedere se eToro sia o meno un broker regolamentato e, evidentemente, abbiamo trovato una risposta positiva.

Per ogni broker troverai inoltre alcune informazioni molto utili per poter valutare l’effettiva correttezza dell’operato, quale:

  • impresa di investimento: la ragione sociale del broker (es. ETORO (EUROPE) LIMITED);
  • sede legale: la residenza legale del broker (es. 4, Profiti Ilias Street, Kanika Business Centre, Città: 4046 – Limassol – Cipro);
  • dati di iscrizione all’elenco: sono i dati che testimoniano il momento in cui il broker ha ottenuto la licenza. Per quanto concerne eToro, la notifica di iscrizione all’elenco è avvenuta con richiesta prot. n. 10033275 del 14/04/2010, e conseguente numero di iscrizione all’elenco 2830.

La seconda parte della scheda del broker contiene invece l’elenco integrale dei servizi esercitabili in Italia.

Si tratta di una informativa molto utile, perché ti permetterà di comprendere che cosa il broker può effettivamente fare nel nostro Paese, e che cosa invece non può fare.

Per quanto attiene sempre eToro, il broker è autorizzato ai seguenti servizi:

  • gestione di portafogli;
  • concessione di crediti o prestiti agli investitori per consentire loro di effettuare una transazione relativa a uno o più strumenti finanziari, nella quale interviene l’impresa che concede il credito o il prestito;
  • custodia e amministrazione di strumenti finanziari per conto dei clienti, inclusi la custodia e i servizi connessi come la gestione di contante/garanzie reali ed esclusa la funzione di gestione dei conti titoli al livello più elevato;
  • ricerca in materia di investimenti e analisi finanziaria o altre forme di raccomandazione generale riguardanti le operazioni relative a strumenti finanziari;
  • servizio di cambio quando tale servizio è collegato alla prestazione di servizi di investimento;
  • esecuzione di ordini per conto dei clienti;
  • negoziazione per conto proprio;
  • ricezione e trasmissione di ordini riguardanti uno o più strumenti finanziari.

Dunque, da quanto sopra dovresti aver compreso che eToro (sito ufficiale) è un broker regolamentato e autorizzato ad operare nel nostro Paese.

Puoi naturalmente effettuare le stesse verifiche ripercorrendo le procedure che sopra abbiamo illustrato, e fare lo stesso per Investous, Trade.com o i tuoi broker preferiti.

Buon trading!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *