Le candele giapponesi. Perchè sono utili?

Diverse volte ci avete richiesto di approfondire maggiormente la parte sulla candlestick analysis che continua ad interessare una larga parte di utenza. Per chi non le ha in mente, abbiamo deciso di ripercorrere insieme gradualmente il loro significato, come leggerle ed in che senso ci possono tornare utili. Partiamo dalle basi sino ad arrivare alle strategie da adottare nello specifico.

Come faccio a leggere una candela giapponese?

Solitamente, quando si leggono informazioni sulle candele giapponesi si spiega solamente, in linee chiare e ben definite, cosa si intende per prezzo di apertura, prezzo di chiusura, ombra, corpo centrale, ovvero gli elementi costituivi di una candela giapponese che anche un bambino è in grado di comprendere.

Noi non possiamo limitarci solo ad essi perché la candlestick analysis, una delle più praticate concretamente richiede anche una capacità critica e di discernimento tale che non fa incappare in “falsi segnali” per poi arrivare a concludere frettolosamente: “Ma questa strategia non funziona per niente!”. Siccome vogliamo darvi l’informazione giusta, quella che serve, vi faremo delle premesse che, una volta applicate, vi permetteranno di adottare le cautele necessarie per non valutare in modo erroneo quello che state osservando.

Qui, di seguito, innanzitutto potete avere un’idea veloce di quello di cui stiamo parlando:

 

 

Qui abbiamo delle candele giapponesi. Avete già una qualche cognizione di come si ottiene questo grafico? Certo, le candele tengono conto dei prezzi di apertura e di chiusura entro il frame rate considerato (nel nostro caso, 1 minuto).

Pertanto, non ci vuole un “colpo di genio” per capire che:

il corpo centrale della candela è la parte rettangolare frapposta tra le due estremità (ombra superiore ed ombra inferiore) che può essere più o meno lungo a seconda dell’ampiezza della distribuzione dei prezzi in tale periodo di tempo. Capirete bene che è più probabile che il corpo centrale si accorci quanto più diminuisce il frame rate preso in considerazione, ma ciò può molto essere influenzato anche dalla volatilità dei prezzi. Ricordate cosa è la volatilità dei prezzi? Esattamente, la tendenza dei prezzi a variare più o meno velocemente nel tempo, anche percorrendo deviazioni transitorie le ombre inferiori e superiori sono i prezzi superiori ed inferiori al prezzo di apertura e di chiusura che chiaramente non sempre saranno i valori massimi e minimi dell’intero corso dei prezzi. Può anche capitare che vi sia una stretta corrispondenza tra essi e le estremità ed allora non vi saranno le ombre (shadow) chiaramente qui le vedete verdi e rosse, a seconda che il prezzo di chiusura sia superiore a quello di apertura o viceversa. Altre colorazioni adottate sono nero e bianco.

Cosa altro c’è da intuire con le candele giapponesi per non fare una lettura frettolosa del grafico?

Date sempre molta importanza alla scala relativa in cui si pongono. Una candela giapponese non sarà mai grande o piccola in assoluto ma contano molto le proporzioni complessive della dinamica dei prezzi.
Una sola o poche candele non vi servono a nulla ma dovete avere l’accortezza di avere in mano quante più informazioni possibili e soprattutto col giusto frame rate, che sia significativo per l’analisi che dobbiamo condurre, l’informazione segnaletica che vogliamo ottenere ed il tipo di struttura dei prezzi
Prossimamente, capiremo perché le candele giapponesi sono utili, facendo esempi di alcune importanti indicazioni di segnale.

Di seguito, cerchiamo di cogliere alcune figure importanti che possono darci utili informazioni.

Il trend continuerà o invertirà direzione?

Innanzitutto, dobbiamo riuscire a cogliere utili informazioni segnaletiche riguardo a due elementi fondamentali:

  • i prezzi continueranno ad aumentare o diminuire con la stessa intensità;
  • l’intensità relativa mostra il termine di un ciclo dei prezzi per prorompere in una nuova direzione dei prezzi (in gergo: inversione di trend).

Cosa ci fa capire se il mercato sta attraversando o meno una profonda indecisione? Certamente anche l’equidistribuzione dei prezzi nel frame rate da noi selezionato che deve essere sicuramente significativo per la nostra analisi.

Quindi, la prima cosa che ci viene da analizzare è la lunghezza della candela rispetto al trend in atto. E’ regolare, lunga (long red line, long green line) o invece stiamo assistendo via via ad un assottigliamento delle candele? Ed in quest’ultimo caso, i prezzi si snodano lungo le estremità inferiori (red/green lower shadow) o superiori dando luogo a delle ombre lunghissime?

Benissimo, capiremo che se i prezzi si distribuiscono equamente lungo il tempo di analisi, 2 possono essere le nostre conclusioni e ciò dipende dal trend complessivo in atto:

Abbiamo una long red line che sottintende il predominio degli “orsi” sui tori con una certa intensità relativa crescente. Cosa c’è prima di essa? Una fase dei prezzi rigorosamente decrescente con prezzi di chiusura ai minimi di periodo? Bene, ciò può sottintendere che il trend ribassista continuerà….Prima c’era, all’opposto, un trend rialzista ben consolidato? Allora, prepariamoci ad una colossale inversione di rotta! Significa che gli “orsi” (ribassisti) si stanno cominciando a far vedere, dando il cambio di turno ai “tori” (rialzisti).
Inversamente, nel caso di una long green line.
Qui, potete notare un utile esempio pratiche che vi capire meglio quello che vi abbiamo spiegato.

Potete notare una lunga candela ribassista rossa che segue due candele che segnano una contesa tra “tori” (lunghissima ombra superiore che sottintende l’indecisione del mercato) ed “orsi”. Dovete capire che quando le candele presentano ombre lunghissime, in proporzione al corpo centrale della candela, allora vuol dire che vi è forte indecisione del mercato, tanto più il corpo si accorcia. In questo caso, però vi è con una lunga candela rossa dalle ombre tendenzialmente normali, rispetto al corpo che è molto più pronunciato, una presa di posizione da parte degli “orsi”, al punto da denotare un’inversione di tendenza. Perché?

La candela è atipicamente lunga rispetto al corso precedente dei prezzi e si sposta di molto verso la linea di supporto dinamico. Sarebbe utile anche avere una qualche idea delle soglie di resistenza dinamiche, se ci è possibile
Non crediamo che ci si possa momentaneamente spingere ancora più in basso con il livello dei prezzi. Quindi, ci sarà sicuramente un’inversione dei prezzi come potete ben notare.
Questa è una delle prime tecniche precauzionali per accorgersi sulle indicazioni segnaletiche dei prezzi. Successivamente ne vedremo delle altre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *